Articoli marcati con tag ‘rp opus’

Lavoro di squadra, determinazione nel perseguire un risultato.

Parlare di questi argomenti è facile ma, quando si deve collaborare per non affondare nell’acqua gelida di un torrente, le parole sono superate dalle azioni. Gruppi pronti, i componenti si confrontano, si esprimono, avanzano con idee, sanno che devono farcela, hanno un obiettivo unico e tutti lavorano per ottenere un risultato. Da un cartone per imballi, devono ricavare una imbarcazione, attraversare un torrente e ritornare al punto di partenza. Momenti di intelligente tensione, quella tensione tesa al risultato. Imbarcazioni pronte, è il momento della verità. Noi siamo quello che facciamo e, se abbiamo operato con attenzione il risultato non può essere deludente. Le immagini raccontano. I gruppi si sono riuniti in un debriefing utile per capire i motivi che hanno portato al risultato. Perché siamo riusciti? Le risposte utili per replicare quei metodi e atteggiamenti da praticare in altre situazioni. Tutto il resto e’ stato divertimento facendo.

Tratto dal Corriere Valsesiano del 08.03.13

Siete invitati a partecipare al Tour Tecnico.

Il Tour Tecnico è una visita presso le location che ospitano seminari, corsi di formazione, ritiri ed eventi.

Durante la visita si espongono le metodologie applicate, utilizzando la matrice SWAT.

Il tour è riservato a: titolari d’impresa, responsabili risorse umane, responsabili formazione, formatori.

Tour “presa diretta” del 09.03.13

Partecipare a questo tipo di tour, significa assistere “in diretta” ad una attività outdoor, in pieno stile IterFormo.

Data: 09.03.13 pomeriggio.

Gli interessati devono arrivare autonomamente presso IterFormo, entro le 14.00 del 09.03.13.

Conferme entro il 28.02.13.

Tour Tecnico del 10.04.13

Presso Iterformo, Centro di Formazione Residenziale in Rimella (VC).

Durante la permanenza al Centro verrà presentata anche la location marittima “La Madonnina” in Follonica.

Partenza da Busto Arsizio con nostro servizio navetta ore 9,30, rientro ore 17,30. Numero posti limitati.

Conferme entro il 20.03.13. Per maggiori informazioni potete contattarci ai nostri recapiti (0331.321.305).

Liberamente tratto da: Il Giornale, articolo di Enrico Cavallaro

Liberamente tratto dall’articolo di Santina Muscarà apparso sul n. 11 della rivista youtrade.




Articolo apparso il giorno 14.05.2010, dopo il convegno “Oltre i propri limiti” tenutosi presso Padre Monti a Saronno.

Clicca sull’immagine per leggere l’articolo!

In volo da Milano verso Amburgo a circa 9000 mt di altezza……. qua faccio una riflessione, forse agli occhi di tanti , semplice, banale …….. può essere si ….. anche se  è un po’ di giorni che cerco ispirazione per scrivere sui “limiti” , ed è qua sù che, mentre gli occhi guardano fuori dall’aereo, il cielo blu intenso e le nuvole sotto mi hanno dato lo spunto. Ed è  proprio qui che ho trovato l’occasione per scrivere alcune considerazioni sui “limiti”.

Non molto tempo fa, l’uomo alzava gli occhi al cielo, sognava di volare e alcuni fantasticavano, alcuni ne raccontavano fantasie e altri ne scrivevano progetti, tutti i primi pionieri delle idee di volare venivano derisi e addirittura presi per “pazzi”, alcuni ci hanno disegnato, scritto racconti, avventure, storie, in pochi hanno scritto, progettato e lottato per realizzare.

In tanti pensavano che volare era un “limite”, in tanti pensavano che sarebbe stato “impossibile”.

Quei pochi  che hanno lavorato però hanno cambiato il destino e la storia dei trasporti, quei pochi hanno lottato e il “limite” è stato superato, il “limite” è diventato ……… studi, progetti, lavoro, sfide; a noi tutti hanno lasciato la sfida “vinta” il “limite” superato.

Uomini, pensieri, capacità, tutto l’ingegno e gli studi che gli stessi hanno messo in campo per varcare il limite fisico e di pensiero! Lo hanno lasciato a noi, a noi tutti!

Ma se uomini hanno avuto la capacità di superare  un “Limite strutturale fisico”, cos’è che ci frena per sviluppare le nostre capacità personali??  Cosa ci frena nel prendere le decisioni che possono cambiarci e cambiare i nostri percorsi di vita??

Beh sono molte le idee che nelle menti  impediscono di spiccare il volo verso ciò che si vuole! Ma se altri ci riescono cosa fare per cambiare??  Ascoltare esperienze e vivere esperienze formative può essere una strada! Sceglietene una se lo volete! E spiccate il volo se lo volete ! Spaccate i muretti che vi spingono nella direzione che considerate poco positiva per voi! Guardate nella direzione che ritenete giusta! E ascoltate ciò che sentite giusto per i vostri progetti ……… e in bocca al lupo !

Buon volo!!

Fiorenzo Senatore

La vetta è ciò che colpisce, il cammino è ciò che "forma"

La vetta è ciò che colpisce, il cammino è ciò che "forma"

 

A pochi giorni dal Natale lo staff RP Opus e Iter-Formo ha regalato anticipazioni e presentato il cammino già delineato del 2010 ! Roberto Pezzin e Barbara Ielmini hanno spiegato e illustrato uno dei progetti che danno valore aggiunto alla crescita di ognuna delle vostre aziende, “verso la meta”  dice Pezzin : è un percorso libero di formazione per le aziende! Un’analisi delle esperienze e di ogni questione ,cosi da strutturare un percorso per il raggiungimento dei risultati, uno sviluppo attento di “atteggiamento”, “mentalità” e “comportamento” , che sono alla base della crescita personale nel lavoro e nella vita.

Iter-Formo regala delle “modalità formative” con una marcia in più , gruppi di persone che dall’aula di teoria passano alla pratica ,e qui concentrati e attenti ai propri limiti ci si àncora all’esperienza out-door per uscirne preparati tecnicamente e “robusti” psicologicamente, questo dice Pezzin è la “nozione”! trasmettere un concetto formativo è importante , “viverlo” emozionalmente è fondamentale. E questo è sottolineato ancora una volta con un termine che a me piace molto, Pezzin : nel percorso “verso la meta” si mettono nero su bianco le regole, si specificano nei dettagli e si vivono , e questo ; “PREGNA” .

“Verso la meta” è un cammino di energia, di continuità, di rinnovamento che vitalizza e se necessario ri-vitalizza, perchè i cammini personali sono sempre al bivio della scelta “avere o essere?” , avere è piacevole e soddisfacente ma essere è l’essenza , nel percorso illustrato si ottiene perchè si è !!!!

insomma ribadisco un percorso di atteggiamento -> preparazione -> tecnica -> organizzazione strategica -> implementazione -> controllo -> che arriva a Meta e si pregna a se con l’attività out-door ! grazie Pez , passione , emozione ed entusiasmo , e tutto con una naturalezza disarmante, emblemi della differenza tra avere e essere!!!

Barbara Ielmini (uso una metafora) ha messo ”la crema al mascarpone sul panettone” spiegando in dettaglio come le aziende possono utilizzare fondi che loro stesse versano nelle casse di Fondimpresa e ha dato tutte le indicazioni per sfruttare a pieno tutte le risorse a disposizione! Perdonatemi , questo proprio è terreno arido di considerazioni per me! chiamate RP Opus ,Iter-formo e chiedete come fare a valorizzare i vostri versamenti a Fondimpresa e a trasformarli con un percorso di formazione aziendale “verso la meta” in traguardi e obiettivi centrati nel 2010!!!

Ad maiora Pezzin !

Fiorenzo